Select Page

Il turismo è un prodotto, il viaggio un’esperienza

“Si dovrebbe sempre viaggiare alla ricerca di qualcosa.
Bisogna prepararsi alla scoperta, ritrovare la poesia del viaggio”.

Tiziano Terzani

Le strade di Leonardo Da Vinci

Le strade di Loenardo da Vinci saranno on line da gennaio 2017:
tutti gli itinerari saranno prenotabili direttamente attraverso una piattaforma di booking on line
e presso i tour operator partner.

Il progetto in numeri

12

Itinerari esperienziali

30

Partner coinvolti

22

Operatori in rete

Un nuovo modo di conoscere un territorio e la sua storia.
Castelli e dimore, acque, mulini. Avventura e cibo.
Un Leonardo da Vinci esperienziale e insolito da scoprire “on the road”.
Così i suoi scritti, disegni e appunti prendono vita in luoghi, storie, sapori, emozioni.
Guide esperte diventano compagni di viaggio alla scoperta di un tempo
che vide il Ducato di Milano come sfavillante capitale d’Europa.

Perché Leonardo Da Vinci

Il suo pensiero e le sue opere sono conosciute in tutto il mondo. Un sapere universale il suo alimentato da osservazioni sul campo, esperienze dirette, annotazioni dal vero. Il che voleva dire per Leonardo viaggiare.

La sua fu una esistenza sempre in movimento. Non solo viaggi nella propria mente, ma spostamenti reali e fisici.

1482 da Firenze arriva a Milano presso la corte sforzesca. Ben presto il bisogno di conoscere lo spinge, nel 1492, a visitare Como, la Valtellina fino ai bagni di Bormio, Bellaggio, Ivrea.

1494 è a Vigevano.

1498 è a Genova.

1500 abbandona Milano si sposta prima a Mantova, poi a Bologna. Il 24 aprile arriva a Firenze e rimane fino al 1506.

1507 si divide tra Firenze e Milano,

1509 compie un viaggio in Savoia.

24 settembre 1513 parte da Milano per Roma, ma già l’anno successivo è a Parma e il 9 dicembre a Milano.

1515 compie un itinerario che lo porta in diverse località dell’Emilia Romagna.

1516 parte per la Francia.

Gennaio 1517 è a Romorantin poi ad Amboise e a Cloux dove si spegne il 2 maggio 1519.

Perché il Ducato di Milano

A Milano e nel suo Ducato Leonardo rimane 18 anni, il periodo più lungo della sua vita. E che periodo!
Al suo arrivo, tra la primavera e l’estate del 1482, Milano è una delle poche città in Europa a superare i centomila abitanti.
È al centro di una regione all’avanguardia in campo agricolo e produttivo.

La città lo affascina per per la sua apertura alle novità scientifiche e tecnologiche, per la presenza di un personaggio come Ludovico il Moro desideroso di “cose nove” e per questo dei migliori artisti, poeti, musici, filosofi, ingegneri allora disponibili

Nel 1485 entra nella cerchia di Ludovico il Moro, per il quale progetta sistemi d’irrigazione, dipinge ritratti, appronta scenografie per feste di corte.

Conclusa la Vergine delle Rocce approfondisce il genere del ritratto legato ai “moti dell’animo”, ovvero agli aspetti psicologici. Una delle prime prove è il Ritratto di musico, seguito dalla famosissima Dama con l’ermellino ovvero Cecilia Gallerani, amante del Moro, e dalla cosiddetta Belle Ferronnière, dama legata alla corte sforzesca.
Con L’Ultima Cena apre le porte alla “maniera moderna”.

A Milano e nel suo Ducato, che allora si spingeva fino a Locarno e Parma, Leonardo viaggia, incontra gli ingegneri e le maestranze ducali. Osserva, annota, sperimenta, suggerisce. Dal sistema dei Navigli e delle conche, dai canali di irrigazione, ai mulini. Disegna e propone soluzioni urbanistiche all’avanguardia per realizzare il sogno della Città Ideale.

Perché le Strade

Leonardo Da Vinci era un genio sempre in movimento. La sua fu una vita “on the road”.
Ripercorrere le sue strade vuol dire avvicinarsi al suo pensiero con modalità innovative. Vuol dire fare esperienza diretta dei luoghi che lo affascinarono e che troviamo annotati e disegnati sui suoi fedeli taccuini da viaggio, molekine ante litteram.

Le strade di Leonardo ricostruiscono i percorsi da lui fatti in nel Ducato di Milano. Collegano luoghi, ambienti, manufatti, città che troviamo attestati nei suoi codici. Non solo Milano ma Vigevano con la splendida Piazza Ducale, Pavia con l’Università, i Navigli lombardi, Vaprio d’Adda con i meravigliosi disegni dell’Adda. E ancora il lago di Como.

Itinerari pensati per viaggiare a ritroso nel tempo, per conoscere e immergersi autenticamente in un tempo e in un territorio. Per ripercorrere le tracce del Genio e l’eredità da lui lasciata nella pittura, nel paesaggio agricolo, nella industria serica e nella vita quotidiana.

Le Strade di Leonardo mettono per la prima volta in rete le strutture museali a lui dedicate, a partire da Leonardiana, esposizione multimediale del suo pensiero collocata nel Castello di Vigevano, a Leonardo in Adda a Vaprio D’Adda, al Museo della seta a Garlate, al Parco del Panperduto a Somma Lombardo. Per il fiume Ticino sarà invece lo slow rafting a far scoprire il fascino delle acque e bellezze naturali difficilmente accessibili.

Abbiano organizzato soste e scelto accuratamente locande e degustazioni ricercate per arricchire l’esperienza. Ecco allora la vigna e il vino di Leonardo. I pesci d’acqua dolce, lo storione e il caviale “Da Vinci”. E poi ancora il riso e il risotto, la marmellata di gelsi, insieme agli altri, innumerevoli, straordinari prodotti del territorio.

Progetti di valorizzazione territoriale

Il nostro lavoro è individuare le eccellenze di un territorio e renderle il fulcro di una rete che coinvolga sinergicamente sia le istituzioni sia gli operatori che le preservano e le tramandano.

Siamo al fianco di chi il territorio lo vive, creiamo intorno alle diverse peculiarità delle narrazioni pensate per immergersi in una realtà dove lo scenario è il territorio stesso e i protagonisti sono i visitatori.

Operiamo per costruire una “reputation territoriale” che affondi le radici nella realtà su cui poggia, pensata per durare e crescere nel tempo.
Una reputazione che – attivata attraverso un’analisi dell’esistente che permette di generare un progetto articolato in azioni, comunicazione e incoming – è fatta per crescere ed espandersi attraverso quanti vivranno l’esperienza di queste eccellenze e ne diventeranno testimoni.

Specifiche azioni di marketing a supporto di ogni progetto – eventi, appuntamenti, partnership strategiche – sono individuate e attuate con il preciso obiettivo di rafforzare e stabilizzare l’immagine del territorio presso il pubblico di riferimento.

Il tutto, naturalmente, inserito in contesto ottimizzato per essere propagato attraverso gli strumenti che le nuove tecnologie ci mettono a disposizione.

Contattaci per qualsiasi informazione

8 + 12 =

Inviando questo messaggio dichiari di aver acconsentito al trattamento dei tuoi dati secondo la normativa sulla privacy

Privacy Policy